fbpx
05marzo
2019

Difficoltà: Media
Tempo di cottura: 60′
Tempo di preparazione: 60′

A Carnevale ogni scherzo vale e anche le regole della sana ed equilibrata alimentazione vanno (è proprio il caso di dirlo) a farsi friggere. In questi giorni oltre alle sfilate dei carri per strada, alle mascherine, i coriandoli e le stelle filanti bisogna prepararsi alle carrellate di dolci sulle tavole.
Da Nord e Sud Italia sono tantissime le tradizioni culinarie legate a questo evento: castagnole, frappe, zeppole, struffoli, bombe alla crema. C’è veramente l’imbarazzo della scelta.
I dolci di Carnevale però non sono solo fritti. In particolare c’è un dolce antichissimo, legato alla tradizione contadina ed è realizzato generalmente con pochi e semplici ingredienti come il semolino
e la ricotta. Avrete già capito che sto parlando del migliaccio napoletano.
Il nome deriva dal “miglio”, il cereale da cui si otteneva la farina, che nel tempo è stato sostituito dal grano. Il miglio era utilizzato nella cucina contadina povera partenopea, mentre oggi, per la
preparazione di questo dolce, viene usata la semola di grano duro, ovvero il semolino. Altri ingredienti tradizionali sono il limone, l’essenza di fiori d’arancio e qualcuno mette anche l’uvetta e
i canditi.
Essendo un dolce a base di ricotta ho pensato che questo dolce potesse accogliere l’aroma del caffè tra i suoi ingredienti. Quindi con una piccola modifica alla ricetta classica ho ottenuto un dolce dal
gusto e il profumo irresistibili.
Il Caffè Concerto 100% arabica con le sue note tostate ed eleganti diventa il vero protagonista del migliaccio grazie anche all’anice stellato che ha la giusta forza e dolcezza per arrotondare il sapore magnifico dell’arabica in questo dolce.

Video Ricetta

Ricetta

Ingredienti per 6 persone

  • 90 ml di Caffè Concerto 100% arabica
  • 200 g di semolino
  • 500 ml di latte intero
  • 300 ml di acqua
  • 50 g di burro
  • 250 g di zucchero
  • anice stellato
  • 3 uova
  • 200 g di ricotta fresca

Preparazione

  1. Prepara la crema di semolino. Versa il latte e l’acqua in una pentola dai bordi alti e il fondo spesso e aggiungi il burro, l’anice stellato, 50 gr di zucchero e il caffè;
  2. Mescola fino a sciogliere completamente il burro. Abbassa la fiamma e versa il semolino a pioggia e mescola prima con una frusta a mano poi con un cucchiaio di legno fino a far addensare il composto;
  3. Togli dal fuoco e versa la crema in una pirofila e lasciala raffreddare. Prepara il composto di ricotta e completa l’impasto.
  4. Sguscia le uova a temperatura ambiente in una ciotola e aggiungi lo zucchero, quindi lavora il composto con le fruste elettriche fin quando diventa chiaro e spumoso. A questo punto aggiungi la ricotta setacciata. Quando la crema di semolino si sarà raffreddata, togli l’anice e incorporala nel composto di ricotta e continua a lavorare l’impasto finché diventa omogeneo e cremoso.
  5. Completa. Scalda il forno a 180°;
  6. Ungi di burro una teglia di 22 cm e foderala di carta forno. Versa il composto all’interno, livella la superficie e inforna per 45 minuti.
  7. Quando la superficie del dolce si presenta dorata sfornalo e lascialo raffreddare almeno 2 ore.
  8. Decora il migliaccio napoletano al caffè con un po’ di zucchero a velo setacciato e servilo.

 

In collaborazione con Laura Gioia 
Essenza di Vaniglia

Iscriviti alla

Newsletter